Facebook INTERNATIONAL TRAPPIST ASSOCIATION
Tutela della denominazioneTutela della denominazione
Login: Pass:

Tutela della denominazione

Tutela della denominazione "TRAPPISTA"

Siamo consapevoli del fatto che il nostro "nome" abbia un valore economico. Non è senza motivo quando i produttori di generi di consumo (che sanno come andare incontro all’immaginazione dei consumatori potenziali) riferiscono spesso al mondo monastico. Desideriamo pertanto proteggere l'economia monastica che sostiene le nostre comunità dalla concorrenza sleale.

Già prima della Seconda Guerra mondiale i monaci trappisti tentarono di tutelare la denominazione della "birra trappista". I monaci di Orval, che badavano attentamente agli interessi dei trappisti, si rivolsero a un avvocato e fu questo l’inizio di una procedura giuridica. A partire da quel momento i commercianti che usano abusivamente la denominazione "trappista" o "birra trappista" possono essere perseguiti per concorrenza sleale, in quanto si tratta di denominazioni che riferiscono all'origine del prodotto. Il Tribunale commerciale di Bruxelles si mostrò ancora più esplicito, quando il 6 settembre 1985 dichiarò: "Si sa ormai che il pubblico attribuisce delle caratteristiche particolari circa la qualità ai prodotti provenienti da comunità monastiche, e particolarmente provenienti da monasteri trappisti." Per informare il consumatore sull'origine e sull'autenticità di questi prodotti - sul mercato della birra in particolare, sono numerosi i marchi che sbandierono un'immagine "religiosa", anche se la produzione del prodotto non si è svolta all’interno di un monastero - sono stati creati l'Associazione Internazionale Trappista (AIT) e il logo "Authentic Trappist Product".

 

Questo logo certifica l'origine monastica del prodotto, e garantisce che i prodotti venduti corrispondono alla qualità come a una tradizione che trova la sua origine nella vita concreta di una comunità trappista esistente. Sebbene sia autorizzato a etichettare pure altri prodotti con questo logo, sino ad oggi lo si usa solo per la birra, i liquori e il formaggio.

Le uniche abbazie attualmente autorizzate ad etichettare i loro prodotti con il logo Trappista sono: 

  • Achel (B): per la birra
  • Orval (B): per la birra e il formaggio
  • Scourmont-Lez-Chimay (B): per la birra e il formaggio
  • Rochefort (B): per la birra
  • Westmalle (B): per la birra e il formaggio
  • Westvleteren (B): per la birra
  • Tilburg - Koningshoeven (NL): per la birra, il formaggio, il pane, i biscotti, il cioccolato e le mermellate 
  • Stift Engelszell (AT): per i liquori e la birra
  • Mont des Cats (FR) : per il formaggio 
  • Zundert (NL) per la birra
  • Spencer (USA) per la birra
  • Tre Fontane (IT) per la birra